Foro romanus sum

Sarà la notte dei Fori, questa notte. Una festa che segna un passaggio: via la romanità triste dei centurioni fasulli, che spillano l’elemosina con un costume da baraccone. Avanti il rispetto vero per il tesoro archeologico del cuore di Roma, via le auto, restauri, spazio libero alla passeggiata archeologica. Non è solo un cambio di linea politica e culturale, è il primo passo di un’altra epoca quello avviato dal sindaco Ignazio Marino. Purché…

Purché non ci si accontenti di una festa e si guardi lontano. Per esempio lanciando un concorso di idee che sappia chiedere alle intelligenze migliori – archeologi, storici, architetti, urbanisti… e quanto ci mancano Cederna e Insolera) di studiare l’assetto di quell’area. E che suggeriscano cosa fare. Cosa fare degli scavi recenti dei Fori? E’ legittimo e augurabile un intervento di anastilosi? Cosa fare di villa Rivaldi, ormai tornata nelle mani pubbliche dopo un non felice periodo di affidamento a don Verzè? Come ricucire – non solo con il riordino del traffico – le aree vicine, dall’Antiquarium all’ex Pantanella di via dei Cerchi,  al Colle Oppio? (A Colle Oppio, lo ricordo solo come esempio, le visite archeologiche sono interrotte, come interrotto è lo scavo del meraviglioso mosaico fortunosamente ritrovato: una teoria di donne, un Apollo, architetture fantastiche….).

Fuksas propose, a suo tempo, un’idea per l’area centrale, una passerella trasparente che lasciasse leggere le sottostanti aree dei Fori. Un’idea, non la sola possibile. Bisognerebbe, a margine, rivedere quel vincolo storico che fu apposto quasi sottobanco sulla via voluta da Mussolini: merce di scambio politica in un periodo in cui bisognava sdoganare i postfascisti arrembanti. Un vincolo debole: una volta finiti gli scavi archeologici, quella via non è neanche più il vialone di Mussolini incoronato dai pini, a cui il dittatore sacrificò uno dei colli di Roma, la Velia.

Ridotto il traffico – che potrebbe ridursi ancor di più se la metro C arrivasse fino a piazza Venezia, come pare possibile – c’è ancora molto da studiare, da capire. Per esempio: il progetto “Grande Campidoglio”, l’antiquarium comunale, lo spostamento degli uffici dal colle fatale…

In passato se ne è discusso molto, ne parla Paolo Grassi in questo articolo. Oggi se ne discute assai meno, e spesso con l’occhio miope del piccolo interesse personale o politico. Invertiamo la tendenza? Facciamo di quest’area un pezzo della città di tutti, com’era nel sogno di Argan e Petroselli.  Abbiamo un tesoro, neanche ben valorizzato: facciamone un luogo urbano, spazio di vita e conoscenza, vanto per tutti i cittadini.

Così Eddy Salzano sul suo sito, Eddyburg: “Finalmente si comincia. Eliminare lo smog, il frastuono e l’ingombro del traffico è un primo passo significativo per realizzare «il parco archeologico più grande del pianeta», e per restituire ai cittadini romani la dignità della loro storia e agli abitanti attuali e futuri del pianeta una patrimonio che è di tutti . Ma oltre alla morsa del traffico c’è quella del cemento. Si dovrà affrontareil problema di liberare quello che sarà il parco archelogico dallo stradone militare (non è forse in contrasto, almeno ideale, con l’articolo 11 della Costituzione?) che ne ha interrotto la continuità. Bisognerà allora rivolgersi a tecnici delle demolizioni e per operare una rimozione della superfetazione. Poi, più (e invece) di concorsi internazionali occorrerà costituire un pool di archeologi che esplorino e analizzino i differenti strati della storia del sito e saggiamente suggeriscano al decisore come restituire alla conoscenza e alla meditazione di tutti ciò che la storia ha lì accumulato. E magari includendo nel numero dei decisori anche il sovrano, il popolo. Il quale, come testimoniano i risultati del referendum organizzato dal sindaco, sembra interessato al miglior uso del patrimonio avito”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...